Informazioni
L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
 

Rivista AGIDAE

CCNL AGIDAE
 
 
Dépliant AGIDAE

 

Inps: circ. n.99/2017. Riduzione requisito contributivo per lavoratori precoci.

 L’INPS ha emanato la circolare n. 99 del 16 maggio 2017, con la quale fornisce indicazioni in merito alla disciplina della riduzione del requisito contributivo di accesso alla pensione anticipata per alcune categorie di lavoratori c.d. "precoci".

I lavoratori “precoci” cioè con almeno un anno di contribuzione per periodi di lavoro effettivo prima dei 19 anni, in presenza di determinati requisiti, possono accedere alla pensione anticipata con un requisito contributivo ridotto a 41 anni. 

Soggetti beneficiari della pensione anticipata

La legge di Bilancio 2017 ha previsto la possibilità di accesso alla pensione anticipata per i lavoratori che hanno iniziato a lavorare prima del compimento dei 19 anni, i cosiddetti lavoratori “precoci”. Le modalità di attuazione della misura sono state disciplinate con il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 87 del 23 maggio 2017, pubblicato il 16 giugno in Gazzetta Ufficiale e vengono ora chiarite in dettaglio dalla circolare INPS.
In base al comma 199 della manovra, a decorrere dal 1° maggio 2017, il requisito contributivo è ridotto a 41 anni per i lavoratori che hanno almeno 12 mesi di contribuzione per periodi di lavoro effettivo precedenti il raggiungimento del diciannovesimo anno di età.
La riduzione riguarda sia i lavoratori che le lavoratrici– un anno e dieci mesi in meno per gli uomini e dieci mesi in meno per le donne - ed è prevista solo in presenza di una delle condizioni indicate:
essere in stato di disoccupazione a seguito di cessazione del rapporto di lavoro per licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale e aver concluso integralmente gli ammortizzatori sociali spettanti da almeno tre mesi;
assistere, al momento della richiesta e da almeno sei mesi, il coniuge, la persona in unione civile o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 104 del 1992;
avere una riduzione della capacità lavorativa, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile, di grado almeno pari al 74%;
svolgere da almeno sei anni in via continuativa una delle professioni usuranti indicate all’allegato A al DPCM e all'allegato E alla legge di bilancio 2017.

L'elenco dei lavori usuranti include:
Operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici
Conduttori di gru, di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni
Conciatori di pelli e di pellicce
Conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante
Conduttori di mezzi pesanti e camion
Professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni
Addetti all'assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza
Insegnanti della scuola dell’infanzia e educatori degli asili nido
Facchini, addetti allo spostamento merci ed assimilati
Personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia
Operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti.

Come richiedere il beneficio

Prima di presentare la domanda di accesso al beneficio pensionistico i soggetti interessati devono inoltrare, in via telematica, la domanda per il riconoscimento delle condizioni di accesso alla riduzione del requisito contributivo alla sede INPS di residenza.
I soggetti che hanno già maturato o che ritengono di maturare i requisiti richiesti entro la fine dell'anno devono presentare la domanda di riconoscimento delle condizioni entro il 15 luglio 2017; coloro che si troveranno in tali condizioni negli anni successivi dovranno presentare la domanda di riconoscimento delle condizioni entro il 1° marzo di ciascun anno.
Le domande di pensione anticipata saranno accolte entro il limite di spesa di 360 milioni di euro per il 2017, di 550 milioni di euro per l'anno 2018, di 570 milioni di euro per l'anno 2019 e di 590 milioni di euro a decorrere dal 2020, con priorità per chi ha conseguito prima il requisito ridotto dei 41 anni e in base alla data di presentazione della domanda amministrativa per il riconoscimento delle condizioni.
Il trattamento pensionistico non è cumulabile con redditi da lavoro in Italia e all’estero per il periodo di anticipo rispetto ai requisiti pensionistici vigenti per la generalità dei lavoratori. Nel caso in cui il titolare del trattamento pensionistico percepisca, per tale periodo, redditi da lavoro autonomo o subordinato, l’INPS procede al recupero integrale delle rate di pensione già erogate in quel periodo, inclusa la tredicesima mensilità.